I 4 Pregiudizi sulla Depressione

Il Training Autogeno: Cos’e e Come Funziona
19 Gennaio 2015
nessuno e normale
Da Vicino, Nessuno è Normale
1 Febbraio 2018
pregiudizi depressione

Solo 1 persona su 4 che soffre di depressione consulta gli specialisti in grado di curarla.

Il dato è preoccupante, se si pensa a quanto facilmente ci rivolgiamo al medico per qualsiasi problema fisico cronico, cioè ripetuto nel tempo e con un livello di disagio che supera le possibilità di chi ne soffre. Questa difficoltà nel rivolgersi a uno specialista della salute mentale, uno psicologo psicoterapeuta, è dovuta alla presenza di pregiudizi molto radicati sulla depressione. Parola usata e abusata, spesso utilizzata per riferirsi a lievi sbalzi di umore, magari stagionali, a un temperamento inquieto e incline alla riflessione e alla malinconia.

La depressione è altra cosa: è una condizione di profonda angoscia costante, con alterazione dell’appetito, del sonno e della capacità di affrontare con serenità le più piccole e routinarie attività quotidiane. Non avendo spesso una causa riconducibile a un evento singolo e traumatizzante, è vissuta con un senso di vergogna e di colpa per cui vi è la tendenza a non parlarne e a tenerla nascosta. Le persone che soffrono di depressione, pur di preservarsi dal giudizio altrui, diventano bravi attori, in grado di nascondere anche a se stessi il proprio mal-essere.

Un pregiudizio ancora importante riguarda la figura dello psicoterapeuta e può essere così esemplificato: “Lo psicoterapeuta cura i matti: se mi rivolgo ad uno psicoterapeuta, sono anch’io matto o sono considerato tale”. Ebbene sì, nonostante i tempi moderni, le conoscenze diffuse, la chiusura dei manicomi, gli studi approfonditi sulle psicosi, pensiamo ancora ai matti, ai pazzi, li temiamo e vorremmo starne lontani. Figuriamoci pensare di esserlo noi!
Basaglia diceva: “Da vicino nessuno è normale”. Dopo anni di esperienza e di vita, non posso che essere d’accordo con lui. Anche il concetto di normalità meriterebbe un approfondimento, ma ne parlerò in un prossimo articolo.

Un altro pregiudizio resistente riguarda il ricorso ai farmaci sotto prescrizione di uno psichiatra: gli psicofarmaci sono dannosi. In realtà la terapia farmacologica può essere dannosa solo se assunta senza l’assistenza dello specialista. Questo preconcetto, come quello secondo cui gli antidepressivi danno dipendenza, sono figli dell’assimilazione, a livello d’immaginario collettivo, tra gli psicofarmaci e le sostanze stupefacenti. In realtà è scientificamente dimostrato che gli antidepressivi non danno dipendenza e che la loro sospensione, graduale e controllata, non determina alcuna astinenza nel tempo.

Altro pregiudizio diffuso è ritenere che sia sufficiente uno sforzo di volontà per superare il disturbo depressivo. Chi ha sofferto di depressione si è sentito dire spesso di fare appello alla propria forza, che è proprio ciò che manca in quel momento; oppure di sorridere alla vita, che è bella, proprio quel sorriso che non si è più capaci di fare perché si è perso il senso di fiducia, in se stessi e nel futuro. Tale pregiudizio prescinde dal livello sociale, culturale e intellettivo ed è compito dello specialista sottolinearne la falsità e i danni conseguenti, poiché va ad alimentare nei pazienti i già presenti sensi di colpa.

L’insieme di tali pregiudizi, profondamente radicati nella società, spiega i motivi per cui solo 1 paziente su 4 riceve una diagnosi corretta e di conseguenza una cura adeguata. Grazie ad anni di ricerche fruttuose, oggi ci sono terapie farmacologiche e psicologiche che producono notevoli miglioramenti.
Ci vogliono tempo e pazienza, soprattutto verso se stessi. E anche denaro, certo, perché fare finta che non conti? Ma, se ci pensiamo bene, credo che ognuno di noi possa rinunciare a qualcosa per fare un investimento sul proprio ben-essere.

Se pensi di aver bisogno di uno specialista, contattami al 333 5069450 oppure attraverso questo modulo:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono

Il tuo messaggio

Cliccando sul tasto "invia", autorizzi al trattamento dei tuoi dati ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/03

1 Comment

  1. Teresa ha detto:

    La depressione porta a disturbi d’ansia e disturbi dell’umore. 5 minuti prima sei apparentemente tranquilla ma basta un microscopico impulso perché tu sia cupo e il sorriso svanisce dal tuo volto. Fuori può splendere il sole ma non lo vedi.
    Condivido in tutto e per tutto che la volontà, la forza e il pensiero positivo siano molto importanti, ma se conosci o ti riconosci in quanto descritto molto bene dalla dr.ssa Merici, fermati! aiutati, rivolgendoti a una specialista! Ti aiuterà e sosterrà, insieme affronterete le giornate cupe, poi buie, poi nebbiose e alla fine il sole arriverà e la bella giornata sarà fuori e dentro di te e tornerai a sorridere. Sarà un percorso in salita, ma riscoprirai quanto tu vali e i sensi di colpa piano piano si dilegueranno.
    LA farmacoterapia?! Ti aiuterà a stabilizzarti un po’, a parlare con un po’ più di tranquillità. ma questa da sola non basta, camminano di pari passo, la psicoterapia e la farmacoterapia.
    Sei riluttante alla terapia?! Non porre resistenza!non ti aiuti! Se fossi diabetico? ipertesto? con ipotiroidismo o ipertiroidismo?! assumere la terapia dello specialista, quale è la differenza?!aiutati,solo tu puoi farlo.
    I soldi?! Si sono tanti! Ma fumi? vai dal parrucchiere? estetista? curi la tua persona esteriormente, ma solo stando bene con te stessa apparirai splendente fuori. spendili, questo è l’unico modo per volerti bene. datti una possibilità solo per te stesso e rivolgiti a chi può davvero darti una mano. Non fare come lo struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia…esperienza condivisa per aiutare a capire che la depressione esiste ma se vuoi puoi stare meglio, aiutati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.